Sul Radar della Coscienza

 

amore, amicizia, stupore, poesia, attualità, vita, senso, relazione, incomprensioni, linguaggio, sentimenti,

 

Ho pianto…
mentre ti allontanavi da me
per quel bacio volutamente non dato:
l’ ennesimo strappo alla libertà
di essere normali amanti.
Cinque giorni
tra silenzi incompresi
ed inutili fughe dalla verità…
Mi hai cercato come soluzione
nelle ore in cui ne avevi bisogno…
Mi hai voluto come compagnia
nei pomeriggi delle tue solitudini…
Hai fantasticato sui miei silenzi assurdi
giudicandoli forme di presunzione…
In realtà hai scelto
di bussare alla porta del mio pensiero
piuttosto che a quella del mio cuore.
Ho atteso invano
un piccolo gesto di cortesia
un “come stai amore mio”…
Speravo che ci tornassi
su quel violento temporale
che ci ha colti improvvisamente
prima della partenza
e con il tuo calore avessi sciolto
 l’abbondante grandine  

caduta sulla nostra strada ..
invece ti sei lasciata prendere
dal caldo intenso di questi giorni
che rende spesso afosa la lucidità
e sfuocato da illusioni l’orizzonte

amore, amicizia, stupore, poesia, attualità, vita, senso, relazione, incomprensioni, linguaggio,


Poi la sera ho seguito il tuo volo
sul radar della coscienza
avvicinarsi ad una velocità supersonica
e … sei atterrata in anticipo
davanti ai miei occhi
stupiti da un amore
che ricomincia ancora.

Un Presente Senza Tempo

E’ bello sentire i tuoi passi 

nel giardino della storia …

Accorgersi di non essere soli

nel silenzio della natura.

Il passaggio dell’essere

avviene nell’imprevedibile ora,

quando l’abbandono incombe

sugli incroci del dolore.

 

pasqua,spiritualità,religione,bibbia,vangelo,senso,attualità,notizia,news,poesia,vita,amore,amicizia,solidarietà


Traditi dagli amici, giudicati dagli eletti,

condannati dai perfetti.

L’innocenza traspare dal cercare

tra i morti colui che è vivo.

L’incontro avviene

nello stupore evocativo del tuo nome

pronunciato da un’eco inconfondibile

dentro lo spazio infinito.

Il sepolcro è vuoto,

l’atmosfera è libera e serena,

il suono è silenzio … 

nella terra arida è creato un giardino!

Le sue vesti come un mantello

coprono le nudità delle infedeltà alla vita

cambiano d’aspetto

perchè dipinte dall’arcobaleno 

del compimento delle promesse.

La ricerca di Dio e dell’uomo

trova il luogo d’intersezione

nell’abbraccio della croce:

lì la fiducia supera l’impossibile ragionevolezza 

e l’Inatteso si presenta accanto.

Stende le sue mani

e crea il nuovo te

nell’alba di un presente senza tempo.

pasqua,spiritualità,religione,bibbia,vangelo,senso,attualità,notizia,news,poesia,vita,amore,amicizia,solidarietà

 

Nel Tramonto del Sole l’Ombra della Pace

P7180073.JPG

Il cammino del senso attraversa le città

cavalcando l’umile puledro

dato in prestito gratuitamente.

Con il potere dei segni semplici

la verità dell’essere entra nella storia.

I mantelli tesi per terra 

accolgono in festa

il nuovo corso che avanza,

incuranti che da li a poco

la cecità dell’uomo crocifiggerà

la stessa luce della speranza.

Rami d’ulivo si agitano nel cielo

quando già l’orizzonte medita

il tramonto del Sole.

Singolare scelta di un Dio

quella di percorrere le vie dell’uomo

là dove lo stesso si mescola al fango.

Prova lo sputo in faccia,

 brutale disprezzo

che lede profondamente ogni coscienza.

Prova il tradimento dell’amico,

atroce sofferenza del cuore che ama.

Subisce l’accusa infamante

dell’essere maledetto da dio,

sottile insinuazione di una divinità divisa.

Processo sommario e condanna capitale

sbarazzano il tempo

da una presenza ingombrante e scomoda.

L’ennesima possibilità per l’uomo

di cambiare lo stile di intendere la vita

è buttata via dalla violenza delle sue azioni.

Ma dentro quel tramonto, 

con stupore indicibile,

gli occhi dell’uomo semplice

intravedono l’ombra della pace.

24 Marzo

manifesto bis.jpg

 

Il 24 Marzo di tanti anni fa

                    veniva ucciso barbaramente

durante la celebrazione Eucaristica

Oscar Romero,

il vescovo fatto popolo.

Da allora in questo giorno

il martirio a causa dell’amore donato

e della giustizia per gli impoveriti

si fa concreta memoria.

La verità è ancora oggi

spazzata via dalla storia,

stranamente

senza alcun clamore mediatico.

I diritti umani violati

denunciati da uomini e donne della ferialità

infastidiscono non poco

il potere politico, economico e religioso.

Prendendo le difese degli umiliati

gli stessi divengono facili bersagli

di efferata violenza.

Gli interessi personali

prevalgono su quelli collettivi

e chi ha poca voce subisce la morte

persino di chi volontariamente

e solo per amore li rappresenta.

Solo nel 2011 nel mondo sono stati

raccontate ben 26 testimonianze

di dono gratuito della vita

amando fino alla fine come il maestro.

A questi vanno aggiunti tutti coloro che

per la pace e la cura per la vita degli ultimi,

attraverso altre forme associative,

si sono schierati a caro prezzo

dalla parte degli indifesi.

“Se mi uccideranno, cantava Romero,

risorgerò nel popolo salvadoregno”.

Esplicito richiamo

alla partecipazione comunitaria

al quel processo di liberazione

da ogni forma di ingiustizia sociale

che frena lo slancio della famiglia umana.

 

 

E ti ricordi di Lei

mimosa.jpg

E ti ricordi di lei …

che ti ha accolto e custodito

con amore disinteressato …

Lei … che nella quotidianità

 ti ha preso per mano

e condotto sui percorsi semplici del vivere…

Lei … rifugio sicuro

contro ogni tempesta di crisi …

tenerezza senza fine al tuo fianco.

 

E ti ricordi di lei …

occhi verdi

imprevedibile sguardo

in una storia d’amore

sbocciata nel mistero…

Lei … paziente cuore

infinitamente perdono

delle sere di non rispetto

delle notti dei tanti no alla vita.

E ti ricordi di lei …

quando ti accorgi

che si commuove perchè l’accarezzi…

nell’animo più profondo

ti dice ancora Si.

 

E ti ricordi di lei …

sulla via degli incontri

quando scopri l’originalità della diversità

e quanto sia preziosa la sua partecipazione

alla vita sociale di ogni ordine e grado …

 

E ti ricordi di lei …

perchè dire donna è dire

D O N O

       

                           con gratitudine Mieleinfuso!

 

 

Il Tuo Sorriso

 

amore,poesia,amicizia,senso,stupore,vita,spiritualità,attualità,notizie,news

Ogni giorno ti cerco

 amore mio

tra i mille volti incrociati

scelgo sempre il tuo . . .

Sorriso discreto

che mi ha rapito il cuore.

Le incompresioni e i malintesi tra noi

sono stati spesso spazzati via 

dal tuo sguardo colorato di speranza.

La gratitudine senza sosta da parte mia

per avere dato alle mie fragilità

 l’opportunità di un nuovo giorno 

possibile oltre ogni sera . . .amore, poesia, amicizia, senso, stupore, vita, spiritualità, attualità, notizie, news,

Anche quando attraverso

l’aridità del mio deserto

sotto la calda e dura arsura

ascolto da lontano

il suono dell’onda del tuo oceano

travolgermi in un abbraccio infinito.

Era un caldo pomeriggio tempo fa

quando sospinti dal buon vento

abbiamo insieme avviato

l’avventura dell’amore.

 

amore,poesia,amicizia,senso,stupore,vita,spiritualità,attualità,notizie,news

I silenzi…

gli sguardi nascosti

dietro improbabili occhiali da sole

gli incontri di vita

tra i luoghi dei senza vita 

hanno affascinato il desiderio

di conoscere il mistero dell’altro/a.

Io ho accolto te,

Tu hai accolto me . . .

Tu mio pieno di energia

sorriso di Dio sul mio cammino,

perdona il mio strano modo di essere

amami ancora per l’eternità!

 

amore, poesia, amicizia, senso, stupore, vita, spiritualità, attualità, notizie, news,

 

La Notte dell’Uomo

“Nessun filo spinato

potrà fermare il vento”

 

filo spinato 4.jpg

Scende la sera

i ricordi volano alla notte dell’uomo

quando con la sua malvagità

ha oscurato persino le stelle.

Il potere assoluto

ha delirato l’assurdo

strappando il sentimento degli innocenti.

La vita soffocata e bruciata

precipita nell’abisso dell’oblio.

Il ricordo dei passi dei deportati

è violenza indelebile

nel cuore dell’umanità di sempre.

Il popolo della shoah

richiamo costante dei crocifissi della storia

racconterà oltre i testimoni di oggi,

oltre il tempo

la salvaguardia della libertà

di ogni dignità umana.

 

“Un cancello di ferro con in alto una scritta: Arbeit macht frei. Oltrepasso il cancello, sono nella storia!
Dal rumore al silenzio, dalla luce alle tenebre, dal profumo alla puzza, dal paradiso all’inferno….
I miei piedi calpestano, non volendo, quella “terra santa”….

Sono lì, ho di fronte a me il “muro della morte”, cammino verso di lui, lo raggiungo, il palmo della mia mano lo tocca, l’altra mia mano e il mio viso lo toccano, il mio corpo si abbandona completamente contro di lui, intorno a me c’è silenzio, ma io posso ancora sentire la paura, il terrore, l’angoscia, il dolore, la sofferenza, la solitudine di chi prima di me a quel muro si è abbandonato ma non per volontà propria…..la mia mente vaga confusamente, è affollata da mille domande con nessuna risposta! Perché? Perché tutto questo? Come può un uomo arrivare ad uccidere un altro uomo? Come si può deturpare un essere umano….? Dov’era il mio Dio in tutto questo?

E poi le scarpe…. Quante scarpe ho visto in questo luogo
e spesso mi sono fermata a riflettere su quanto un oggetto per me così “ovvio” potesse essere importante per la sopravvivenza e per la tutela della dignità umana.
Spesso calpestando Auschwitz con le mie scarpe mi sono sentita una profanatrice, pensavo a quanti piedi nudi, freddi, rotti avevano attraversato quei luoghi ed io in qualche modo stavo cancellando quelle orme e perciò il loro passaggio!
L’uomo può, davvero, diventare una bestia…..

Qui Ho riscoperto il valore dell’essenziale, del necessario, della dignità umana, delle relazioni vere, della verità, del bene e del dono incondizionato di sé. ” 

                                                    Alessia in visita ad Auschwitz

                                    (cfr. il post correlato la notte dei cristalli)

 

La Nave Dei Sogni

costa.jpg

La nave dei sogni

è stata affondata

da uno scoglio imprevisto

lungo la rotta del piacere.

Il mare della storia

non perdona alcuna distrazione

nemmeno e soprattutto quando

si tratta di giochi assurdi.

Coloro che guidano

hanno il dovere di non permettersi

in alcun modo

lunghi silenzi,

assenze ingiustificate,

mancate percezioni del reale,

inutili fughe personali

verso la salvezza.

L’abbandono in anticipo della responsabilità

condiziona la fiducia nelle istituzioni,

mette a rischio ogni sicurezza,

allontana la serenità della gente.

Apprezzabile la spontanea solidarietà

del popolo isolano

degno dell’essere figlio

della purezza e della semplicità

racchiuse nel simbolo del giglio.

Le porte aperte di ogni famiglia

hanno moltiplicato il pane dell’accoglienza,

il cappuccino consolante nella prova,

la tisana rilassante nel pericolo scampato.

Nel tragico epilogo di questa avventura

in filigrana si intravede

quasi come un segno dei tempi

il precipitare degli eventi degli Stati nel mondo.

Quando la nave dei popoli

vira verso le coste di una economia senza etica

allora lo scoglio del profitto senza sosta,

tramite speculazioni da vero terrorismo,

frena irrimediabilmente il solcare

nel mare della vita.

La condivisione libera e sincera

moltiplica la certezza di salvarsi dal naufragio

così come rafforza la convinzione

che battere ogni onda di mercato è possibile.

Il Racconto Della Semplicità

Nella storia della quotidianità

nasce il racconto della semplicità…

In una sperduta borgata di periferia

dell’impero romano

un bambino interrompe

il sereno percorso dei potenti…

Natale, Buon Natale, spiritualità, senso, vita, amore, religione, politica, sociale, attualità, festività, notizie, news,

Da una semplice donna di Nazareth,

povera nello spirito

nasce il segreto della divinità:

scegliere ciò che il mondo considera debole

per confondere i forti!

La chiave di ogni cambiamento

è custodita nel silenzio dei senza voce,

nel grido disperato dei senza lavoro,

nella solitudine dei senza meta.

La responsabilità dell’uomo

è cercare la compagnia dell’Oltre

tra i cuori e le menti dei semplici

per imparare da loro

il racconto della vita!